In Schoolmate.it utilizziamo i cookie per migliorare l'esperienza utente. Proseguendo nella navigazione, presti il consenso all'utilizzo dei cookie.

Accetto       Maggiori informazioni


libri e letture

"I draghi locopoei" di Ersilia Zamponi è il libro che abbiamo utilizzato per l'animazione alla lettura in classe quinta.
Già il titolo ha suscitato curiosità: il nome draghi infatti ci fa pensare ad un mondo fantastico di miti fiabe, leggende; l'aggettivo locopei è una parola inventata e potrebbe significare qualsiasi cosa. 

Si è parlato di passioni e di neve...
Ottima la conduzione dell'autrice: sono stati dati diversi spunti di lavoro che sicuramente coglieremo...
I bambini erano entusiasti perchè ha saputo renderli protagonisti...

 

 

 

In occasione del giorno della memoria abbiamo proposto agli alunni la lettura della poesia "La farfalla" di  Pavel Friedman deportato a Terezin, una città della Repubblica Ceca, che fu un ghetto ebraico,  e poi morto nel campo di sterminio di Auschwitz. 

 

 

 

 Brano tratto da libro " Sono come il fiume che scorre" di Paolo Coelho...

 

 

 

 

Parlare del genocidio degli ebrei è sempre molto difficile soprattutto se ci si rivolge ai bambini e si raccontano loro storie su ciò che nel tempo hanno subito i coetanei ebrei.


Ma è necessario ricordare per non dimenticare e il testo di questo libro (di Hausfater Rachel Douïeb e Olivier Latyk) lo fa in modo davvero poetico e delicato.

 

 

C'è un paese dove le parole vengono prodotte dai macchinari di una grande fabbrica. Per poterle usare, bisogna prima andare a comprarle nei negozi.

Alcune parole sono più care di altre e  solo i ricchi possono permettersele; i poveri frugano nei cassonetti alla ricerca di parole buttate via, i bambini escono coi retini per acchiappare quelle che volano nell'aria,  ci sono bancarelle di parole in  saldo, boutique di parole rare e perfino negozi di parolacce.

Un bambino povero come Philéas, per dichiarare il proprio amore a Cybelle, può contare su appena tre parole "ciliegia, polvere, seggiola", mentre Oscar, il suo rivale ricco e arrogante, dispone delle costosissime "ti amo", o "ci sposeremo".

 

 "Mi ha detto... mi ha fatto... mi ha scritto... mi ha guardato...mi ha accusato"

"Non è vero..."

Ci sono episodi che disturbano un po' la serenità quotidiana.

Ne abbiamo parlato e... e ci siamo detti che " la verità è più forte di qualsiasi cosa, più luminosa del giorno, più terribile di un uragano."
 

La proposta è un'attività trasversale legata a matematica ed italiano: partendo da questa poesia di Loris Malagutti sul cento, è stato introdotto l’argomento dei diritti dei bambini, che dovrebbero essere rispettati e non violati da chiunque perché sottraggono le capacità creative proprie del meraviglioso mondo dell’ essere bimbi.

 

Il 27 gennaio, anniversario della liberazione dei reclusi sopravvissuti dal campo di concentramento e sterminio di Auschwitz, viene commemorato nel mondo come "Giorno della Memoria", in cui ricordare la Shoah.

 

 

 

Anche noi a scuola lo abbiamo fatto.

 

 

 

 

In una società multietnica e multirazziale, anche una festa religiosa come il Natale può diventare spunto di crescita e riflessione per dar significato a gesti importanti che, poichè parte della
nostra cultura e ormai costanti nella ripetizione, potrebbero apparire scontati e meno profondi di quanto realmente siano.

f t g

Login

Traduci ...

Italian English French German Russian Spanish