In Schoolmate.it utilizziamo i cookie per migliorare l'esperienza utente. Proseguendo nella navigazione, presti il consenso all'utilizzo dei cookie.

Accetto       Maggiori informazioni


Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

20210226 143247sLa matematica egizia fa riferimento a un'insieme di tecniche matematiche conosciute e trascritte nel 1650 a.C. e giunte fino a noi grazie a papiri matematici (il più importante è il papiro di Rhind) nei quali vengono descritte tecniche di calcolo e problemi con relative soluzioni.

Il mito dell'occhio di Horus ci ha permesso di parlare nuovamente di frazioni provando a capire e a ragionare come gli antichi egizi.  
Gli egizi usavano soltanto unità frazionarie,  e ogni altra frazione doveva essere scritta come somma di unità frazionarie (per di più con denominatori diversi). E questo poteva risultare molto complesso, tanto che erano state redatte delle tavole di frazioni.
Con l'occhio di Horus si spiegano anche i simboli utilizzati.
Al termine ognuno ha provato a rielaborare il disegno (work in progress)

20210226 152316z

20210226 151028z

20210226 154912z

20210226 154955z

20210226 155100z

 

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

f t g

Login

Traduci ...

Italian English French German Russian Spanish